Normative e Guide

Agevolazioni su Ristrutturazioni e conseguimento di Risparmio Energetico

Il decreto legge n. 201/2011 ha reso stabile la detrazione del 36% delle spese sostenute per i lavori di recupero del patrimonio edilizio, vale a dire che a partire dal 2012 il “bonus” si applica a regime, in quanto le nuove regole sono state inserite nel Testo unico delle imposte sui redditi (Dpr 917/86) e non hanno più scadenza. Il decreto legge n. 83/2012 ha invece elevato, anche se per un determinato periodo di tempo, la misura della detrazione e il limite massimo delle spese ammesse al beneficio. In particolare, per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del citato decreto) al 30 giugno 2013, la detrazione Irpef aumenta al 50% e raddoppia il limite massimo di spesa (96.000 euro per unità immobiliare).


La detrazione va sempre ripartita in dieci quote annuali di pari importo.

PER QUALI LAVORI SPETTANO LE AGEVOLAZIONI
L’elenco degli interventi per i quali spetta la detrazione comprende:
• i lavori di manutenzione straordinaria, quelli di ristrutturazione, e le opere di restauro e risanamento conservativo eseguiti su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali, e loro pertinenze
• la realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali anche a proprietà comune
• la rimozione di barriere architettoniche, installazione di ascensori e strumenti comunque idonei a favorire la mobilità interna di disabili
• i lavori (anche di manutenzione ordinaria) su tutte le parti comuni di edifici residenziali

gli interventi relativi alla cablatura degli immobili, le opere finalizzate al risparmio energetico, alla sicurezza contro le intrusioni, al contenimento dell’inquinamento acustico, all’adozione di misure antisismiche, ad evitare gli infortuni domestici.
Ti invitiamo ad approfondire :

>> Vai nell’area download sezione “Normative” per scaricare la guida

(ATTENZIONE: Le indicazioni dell’Annuario potrebbero subire modifiche per effetto di provvedimenti successivi; controllarle seguendo i comunicati stampa e il sito Internet dell’Agenzia delle Entrate.)
 
 
Please follow and like us: